Tazza di caffè

Il caffè amaro fa dimagrire?

Il caffè è una bevanda tra le più diffuse al mondo, un classico mezzo per spezzare un poco il ritmo della giornata e contemporaneamente fare una carica di energia. Come può, però una bevanda che si ottiene da chicchi che forniscono soltanto 2 calorie ogni 100 grammi fornire questa energia, da dove arriva l’energia praticamente senza calorie? Il segreto del caffè è la caffeina, una molecola con proprietà eccitanti, chimicamente non molto dissimile dalla teina ma più attiva. La Caffeina oltre ad avere un’azione eccitante sul sistema nervoso, è anche una delle rare sostanze finora conosciute con la capacità di mobilizzare i grassi accumulati e con la sua proprietà termogenica, stimolare il metabolismo, creando in questo modo l’energia attraverso il consumo dei grassi e delle altre sostanze da cui l’organismo trae energia con il metabolismo.

Come il caffè fa bruciare i grassi

La caffeina contenuta nel caffè è una sostanza potente che agisce a livello cerebrale incrementando l’attivazione dei neuroni i quali rilasciano dei neurotrasmettitori tra cui la norepinefrina che nella catena biochimica nell’organismo si trasforma in epinefrina, anche conosciuta come Adrenalina. Questa si riversa in circolo sanguigno e raggiunge le cellule del corpo, inducendo la rimozione dei grassi dalle stesse, grassi che vengono metabolizzati, scissi ed eliminati traendo in questo meccanismo energia. Nel contempo un’altra sostanza contenuta nel caffè, l’acido clorogenico, rallenta l’assorbimento dei carboidrati favorendo in questo modo il dimagrimento; il caffè assume così una funzione rilevante nell’ambito di un regime alimentare finalizzato alla perdita di peso, che deve comunque essere associato ad attività fisica. Se desideri un approfondimento su questo argomento, nel blog di Cialdemania trovi un interessate articolo dedicato a spiegare perché il caffè amaro fa dimagrire.

Lo stimolo del metabolismo

A queste azioni descritte si aggiunge lo stimolo del metabolismo. Molte avranno notato che nonostante la stretta osservanza di una dieta non si ottengono risultati apprezzabili in termini di dimagrimento, mentre con la stessa dieta le amiche dimagriscono sensibilmente; questo è dovuto al fatto che il tuo metabolismo è rallentato, probabilmente a causa di diete drastiche precedenti, insomma, le sostanze non vengono “Bruciate” come dovrebbero. L’unica maniera è cercare di risvegliare il metabolismo. Una delle strategie possibili è utilizzare sostanze capaci di innalzare leggermente la temperatura corporea e tra le sostanze utili a questo scopo è proprio il caffè a cui sono riconosciute proprietà termogeniche, di aumento della temperatura,. Il metabolismo così stimolato, riprende gradualmente la sua piena attività, bruciando più sostanze e ottenendo una maggiore trasformazione in calorie disponibili per le tue attività.

Alcuni studi avrebbero dimostrato che con il consumo di caffè il metabolismo incrementa la sua attività tra il 3 e l’11%, anche in funzione della quantità di caffè consumato ed è anche dimostrato un maggiore consumo di grassi che in persone magre ha raggiunto anche un +29% ma sfortunatamente l’effetto sulle persone obese si è fermato al 10%. Questo, tuttavia, non significa che per dimagrire devi bere due litri di caffè al giorno: un eccesso di caffeina può far male, incrementare eccessivamente il ritmo cardiaco, danneggiare lo stomaco, innalzare pericolosamente la pressione arteriosa, quindi va consumato con una certa moderazione.